Korca

Korca, chiamata “la piccola Parigi” e situata a 181 chilometri dalla capitale Tirana, è il più grande centro amministrativo del sud-est dell’Albania. La regione è uno dei più importanti centri culturali ed economici dell’Albania. Famosa per la sua musica, Korca (o Coriza come viene spesso chiamata in italiano) è un paese di grande bellezza naturale, con laghi, zone di montagna e parchi nazionali.

Storia

La città è stata fondata agli inizi del Medioevo – nella prima metà del XV° secolo – quando la provincia di Korça era governata dai Muzakajt.

Dopo l’arrivo di Iliaz Bey Panariti la città di Korca ha subito molti cambiamenti. E’ stata costruita una grande moschea nel 1496 e un grande bazar. Ma è soprattutto durante il XVII-XVIII secolo che la città conobbe la maggiore espansione, soprattutto dopo la distruzione di Voskopoja.

Nella seconda metà del XIX secolo, Korca divenne uno dei più importanti centri economici, commerciali e culturali del paese, con un grande e caratteristico bazar, che occupa un posto speciale tra i monumenti in Albania.

Negli anni del Rinascimento in città c’era una fervente attività patriottica che porto all’apertura della prima scuola in lingua albanese. Il 10 dicembre 1916 è stata dichiarata la regione autonoma di Korca.




Korca oggi

Korca si è estesa rapidamente fino a diventare un importante centro culturale e commerciale, famosa per il suo bazar. Il suo centro storico oggi conserva le caratteristiche strade fatte di ciottoli. Ha una popolazione di circa 105.000 abitanti (censimento 2009), che la rende la sesta città più grande in Albania.

Sorge su un altopiano, a circa 850 metri sopra il livello del mare, circondato dalle montagne di Morava. Situata tra le montagne, Korca può essere molto fredda in inverno, ma si trasforma in un rifugio fresco e affascinante in estate. Nevica quasi ogni inverno a Korca e ciò la rende una città ideale per gli sport invernali.

Clima

Korca è caratterizzata da un clima parzialmente mediterraneo e in parte continentale, con inverni freddi e estati calde e secche. La temperatura media annuale raggiunge i 10.6 º C.

Il mese più freddo è gennaio e il mese più caldo è agosto. Il mese più umido è novembre, con una pioggia media di 104 millimetri, mentre le precipitazioni medie annue ammontano a 720 millimetri.

Cosa vedere

La città è conosciuta per i suoi tipici quartieri, composti da case basse e ville con giardini curati, e caratterizzati dalle strade pavimentate con ciottoli. L’architettura della città con le sue influenze ottomane, francesi e rumene, i grandi viali alberati, i bei parchi e mercati cittadini, i monumenti, moschee e chiese (periodo bizantino e ottomano) fanno di Korca una città speciale in Albania.




Musei – La città di Korca ha una vasta gamma di musei come il Museo dell’Istruzione (edificio dove si aprì la prima scuola albanese nel 1887), il rinnovato Museo Nazionale d’Arte Medievale (da visitare assolutamente), il Museo Archeologico, il Museo Vangjush Mio (e casa del famoso pittore paesaggistico), il Museo dell’arte orientale “Bratko”, ecc.

Monumenti religiosi – Korca ha una ricca miscela di monumenti religiosi: belle chiese ortodosse che si trovano a pochi passi dalle moschee. Sulla piazza principale potete visitare la Cattedrale “La Risurrezione di Cristo”. Le più antiche chiese invece sono situate principalmente, nel piccolo villaggio di Voskopoja a mezz’ora di auto da Korca.

La moschea più importante è la moschea di Iliaz Bej Mirahorit costruita nel 1469, una delle più antiche in Albania. La città è distesa sotto una grande croce che si erige su una collina sopra di essa, ad una altitudine di 1404 metri sul livello del mare. A circa 50 metri di distanza si trova la chiesa di San Ilia la quale si può raggiungere percorrendo in macchina una strada stretta ma confortevole.

Villaggi nelle sue vicinanze – Korca è una buona base per esplorare molti villaggi turistici situati nelle vicine montagne come Voskopoja, Dardha, Vithkuqi e Boboshtica. Questi villaggi sono noti per offrire la possibilità di praticare molti sport e attività all’aperto. La zona è famosa anche per le chiese bizantine di Vithkuqi e Voskpoja. Vicino a Korca si può visitare il Lago di Prespa, quello di Ohrid e il Parco Nazionale di Drenova.

Altre attrazioni – Il birrificio Birra Korca ha goduto di una recente rinascita e la birra ha conseguito numerosi distintivi, diffondendosi in tutto il paese. I visitatori possono godere di escursioni dentro al birrificio e di alcuni campioni gratuiti nell’adiacente giardino della fabbrica. Al di là della fabbrica di birra, nel villaggio di Mborje ai margini della città, si trova la Chiesa di Santa Maria; una bella chiesa e costruzione in pietra e in legno con alcuni splendidi affreschi del 13° secolo.



Cosa fare

Partecipa alla Festa e Lakrorit (festa di uno dei cibi tradizionali albanesi fatto di pasta sfoglia e con diversi ripieni) che propone prelibatezze locali.

Fai una passeggiata lungo la Pedonale, la principale strada in centro, di fronte alla Cattedrale, piena di bar e di negozi.

Sali nel Monte Morava per goderti una stupenda vista sulla valle di Korca.

Visita il famoso Bazar di Korça, ultimamente e splendidamente restaurato.

Partecipa alla Festa della Birra, che in agosto richiama numerosi turisti locali e stranieri ogni anno. Include concerti, cucina tradizionale, giochi e un tantissima birra.

Sali sulla collina per visitare il Cimitero dei caduti della II guerra mondiale.

Prendi una bici e segui i numerosi sentieri che si snodano nel Parco Rinia, un grande parco dove è possibile rilassarti e goderti la natura.

Partecipa ai grandi festeggiamenti della Pasqua ortodossa nelle numerose chiese della città.

Goditi le ottima pietanze della cucina tradizionale di Korca nei vari ristoranti in città o nei piccoli villaggi nei suoi dintorni.

Dove alloggiare

La Cattedrale di Korca, uno dei simboli della città
La Cattedrale di Korca, uno dei simboli della città