Guida di Tirana

Vivace e colorata, Tirana è il cuore pulsante dell’Albania. Visitando la capitale dell’Albania, vi catapulterete nel passato e nel presente di una città che ha visto intense turbolenze fin dalla sua fondazione nel 1600. Dopo aver subito una trasformazione di proporzioni straordinarie dal risveglio dal suo sonno comunista nei primi anni ’90, il centro di Tirana è ora irriconoscibile. La città ha disintegrato gli edifici di epoca sovietica, e i suoi nuovi e audaci progetti affiancano i monumenti storici restaurati, diventando così una città molto piacevole da visitare e centro culturale e politico dell’Albania.




Casa di una popolazione di quasi un milione di abitanti, in rapida crescita, Tirana è sempre in movimento ed ha una vitalità e che non troverai in nessun altro posto in questa nazione. Ogni monumento ha una propria storia complessa e emozionante da raccontare. Anche il meraviglioso paesaggio montuoso che costeggia la città a est merita di essere esplorato. E se il clima diventa troppo caldo in estate, ci si può rinfrescare nel mare Adriatico. La città costiera di Durazzo, meta preferita dalle famiglie con bambini, è facilmente raggiungibile in auto (Scopri le più belle spiagge di Durazzo).

Tirana è la capitale della Repubblica d’Albania, nonché capoluogo del distretto e la città più popolata del Paese. Con 1.238 km² è tra le maggiori capitali d’Europa per ampiezza del territorio. I turisti trovano Tirana una bella e affascinante città, dove l’aspetto da città cosmopolita si intreccia con l’immagine tradizionale delle sue periferie.




Il centro della città di Tirana è un agglomerato di edifici storici, piazze, piccoli parchi, viali affollati. Quest’area offre un’attività turistica degna di interesse: la piramide di Tirana, vestigia della follia del regime di Enver Hoxha, il Bunk’Art, bunker antinucleare di Enver Hoxha, oggi un museo sotterraneo per rivivere la durezza delle condizioni di vita sotto la dittatura. Poi il Museo Storico Nazionale, un must per chi visita l’Albania, e la Piazza Skanderbeg, un importante luogo di ritrovo che combina lo stile fascista italiano, l’era sovietica stalinista e lo stile ottomano.

L’inglese sta rapidamente guadagnando posizione come la seconda lingua della città tra i giovani, ma comunque molti residenti parlano anche l’italiano. Gli albanesi sono molto ospitali nei confronti degli stranieri ed è facile trovarsi invitati dagli abitanti del luogo per un caffè o un bicchierino di grappa.


Cosa vedere a Tirana

La Piramide

Può sembrare strano cominciare con un edificio quasi abbandonato, ma la Piramide è unica. È un edificio indimenticabile e culturalmente significativo dal 1987, completato poco prima della caduta del comunismo. Fu creata come museo per onorare il dittatore del paese Enver Hoxha che governò dal 1944 al 1985. Ora è al centro di un dibattito su come riutilizzarla.

Piazza Skanderbeg 

E’ situata nel centro di Tirana ed è stata chiamata secondo l’eroe nazionale che ha assicurato all’Albania l’indipendenza dall’impero ottomano nel XV secolo. Nel mezzo della piazza c’è una grande statua in bronzo di Skanderbeg a cavallo, e la Moschea Et’hem Bey, uno degli edifici più preziosi della nazione che risale alla fine del XVIII secolo, è situata nell’angolo sud-est. Anche qui si trovano i principali musei della nazione, tra cui il Museo Nazionale della Storia, adornato con un enorme mosaico raffigurante dei partigiani vittoriosi.

Il Museo Nazionale della Storia

E’ il luogo perfetto per capire il complesso passato dell’Albania. Il museo è organizzato in padiglioni, ognuno dei quali copre un periodo diverso nella storia della regione, dai tempi antichi fino al XXI secolo. Il più prezioso, in termini di ricchezza archeologica, è il Padiglione dell’antichità, dove esiste una grande collezione di quasi 600 oggetti. Uno dei pezzi migliori è la Bella di Durazzo, che risale al IV secolo a.C. ed è il più prezioso mosaico antico del paese.




Il Parco Nazionale di Dajti

In Europa è inusuale trovare un parco nazionale proprio alle porte di una capitale, quindi non perdetevi la possibilità di avventurarsi ulteriormente nella catena montuosa che forma il confine orientale di Tirana. Se volete sperimentare il paesaggio naturale, prendete il sentiero che collega il monte Dajti con il monte Tujani, che sale a 1.580 metri. Questo picco è il più alto del parco e può essere scalato a piedi. La vista dall’alto è bellissima e comprende anche il lago Bovilla. Pittoresche scogliere circondano il lago e offrono anche alcune eccellenti pareti per l’arrampicata. Potete raggiungere la montagna di Dajti anche con Dajti Ekspres, la più lunga funivia dei Balcani che si estende per più di un chilometro. Il viaggio dura circa 15 minuti e in alto troverete un complesso turistico con ristoranti e alberghi e un parco avventura, Dajti Adventure Park.




Blloku “Il Blocco”

E’ il quartiere dove Enver Hoxha ha vissuto ed era una volta una zona vietata a tutti tranne una stretta cerchia di persone che facevano parte del partito comunista. Ora è l’epicentro dell’elite di Tirana. Oggi troverai alberghi costosi, caffè di design, ristoranti e negozi. Da Sky Club, un alto bar rotante nell’aria potete godervi una vista a 360 gradi di tutta la città.

Scopri dove dormire a Tirana
La vitta notturna di Tirana

Bunk’Art

Questa straordinaria attrazione mette in prospettiva il passato recente dell’Albania. Bunk’Art è un bunker sotterraneo, costruito per i politici dell’era comunista di Tirana e il personale militare in caso di guerra nucleare. Quello che sorprende sono le dimensioni e i dettagli del riparo che dispone di più di 100 stanze diverse, tra cui una sala riunioni con 200 posti. L’obiettivo dell’attrazione oggi è quello di aiutare le persone a conoscere meglio un periodo di turbolenza nella storia del paese.

Il Parco del lago artificiale

Questo grande parco boscoso è dove molti cittadini di Tirana vengono a godersi la natura per un po’ di tempo. Si può pescare nel lago artificiale, fare pic-nic sui prati, fare sport nei numerosi punti dedicati o godersi un caffè in uno dei tanti bar-caffetterie. Sono numerose anche le aree giochi per i bambini e i ragazzi. Questo bellissimo parco permette alla natura e alla vegetazione mediterranea di mettere in mostra il suo splendore.



Il Ponte delle Concerie

Quest’ attrazione risale al 1700 ed è un affascinante frammento della storia ottomana di Tirana, dando l’impressione della vita della città negli anni successivi alla sua fondazione. Oggi è un umile ponte pedonale in pietra, ma quando fu costruito, era il percorso principale per gli agricoltori che portavano il loro bestiame nella zona di macellazione e lavorazione del cuoio.

Il villaggio di Pellumbas

Questo villaggio permette di fare escursioni fino ad un bellissimo monumento naturale. C’è un sentiero dal villaggio che attraversa le montagne per due chilometri prima di arrivare ad una grotta piena di stalagmiti e stalattiti, e con prove di attività umane che risalgono a 300.000 anni. La grotta scende per 350 metri sul versante della montagna e durante la seconda guerra mondiale è servito da rifugio agli abitanti del villaggio di Pellumbas.

Nei dintorni di Tirana si possono visitare anche il Castello di Preza, quello di Petrela e ancora raggiungere la città di Durazzo e la spiaggia di Spille per godersi una bellissima giornata al mare.

Come arrivare a Tirana

In aereo – Tirana si può raggiungere dall’aeroporto di Rinas in mezz’ora utilizzando il bus navetta messo a disposizione dei passeggeri (il biglietto costa 250 leke a tratta e il bus parte ogni ora dalle ore 6.00 fino alle 18.00). In alternativa si possono prendere i Taxi parcheggiati fuori all’uscita dell’aeroporto (il tragitto costa 20€ solo andata).

In traghetto – sono numerosi i traghetti che partono dai porti di Ancona e Bari verso il porto di Durazzo. Una volta a Durazzo potete noleggiare una macchina e dirigervi verso Tirana oppure potete utilizzare i bus che sono parcheggiati fuori dall’uscita del porto, sulla piazza alla fine della rampa.


Come muoversi a Tirana

In bus – sono numerosi e frequenti i bus pubblici che potete utilizzare per raggiungere la vostra meta preferita. Le principali destinazioni si trovano in centro e non avrete bisogno di utilizzare i mezzi di trasporto. Per le altre mete come il parco di Dajti o la grotta di Pellumbas ad esempio i bus sono necessari. Tutti gli autobus sono marcati con le loro destinazioni, rendendoli relativamente semplici da utilizzare e una corsa costa 40 leke. Negli orari di punta sono molto affollati.

In taxi – è facile trovare un taxi e una corsa dentro la città costa dai 500 – 700 leke (dipende dalla distanza percorsa). Chiedete sempre prima il prezzo per non avere sorprese.

In macchina – se volete essere liberi di visitare la città con i vostri ritmi potete noleggiare una macchina. Sono numerose le compagnie di noleggio auto e per guidare in Albania basta la patente italiana.



Dove alloggiare a Tirana

Tirana offre alloggi accessibili a qualsiasi budget. Ciononostante, alcuni quartieri centrali e molto ben serviti sono più richiesti di altri. Questi quartieri offrono una vasta gamma di musei, gallerie d’arte, caffè, pub, ristoranti  e varie forme di intrattenimento dietro ogni angolo. E poi eventi gastronomici, aree culturali, feste notturne… L’altro lato della medaglia è che sono anche le zone le più care di tutta la città. Continua a leggere…

 

 

 

Ti è piaciuto questo articolo? Condividendolo con i tuoi amici ci aiutaci a crescere. Grazie per il tuo supporto!

Piazza Skanderbeg a Tirana, la capitale dell'Albania
Piazza Skanderbeg a Tirana, la capitale dell’Albania