Cosa vedere a Saranda: le sue migliori attrazioni

0
1476
Saranda, mare , Albania

Saranda è la principale porta d’entrata dell’Albania meridionale. Circondata da alte montagne e posizionata di fronte al mar Ionio e all’isola greca di Corfù, Saranda è diventata velocemente negli ultimi anni una delle destinazioni balneari più conosciute ed apprezzate. Più di un milione di turisti affollano la città e le sue coste ogni estate, e il numero è sempre in crescita.

Bellezze naturali incontaminate, montagne e colline che cadono a picco sul mare, oliveti dalle foglie d’argento allineati alla meravigliosa costa dalle acque blu-verde brillante, laghi e baie nascoste. In più, antiche città come Butrinto e Finiq (Foinike), monasteri e chiese bizantine, una ricca atmosfera artistica e una deliziosa cucina locale e internazionale fanno di Saranda una destinazione ambita che vale la pena visitare.



Cosa vedere a Saranda 


Il lungomare di Saranda

Questo pittoresco lungomare, adornato da palme, si estende lungo il porto e offre splendidi panorami sul Mar Ionio. Sedetevi e godetevi il tramonto in uno dei tanti bar e caffetterie, aperti tutto il giorno. Troverete anche piccoli negozi che vendono souvenir, miele locale, tessuti in pizzo fatti a mano e altri prodotti artigianali. La maggior parte dei grandi alberghi e ristoranti si trovano in prossimità di questo lungomare.

La spiaggia di Ksamil 

E’ la nuova perla dell’Europa, e sempre più persone la visitano. Ci sono numerose spiagge dove si può rilassare e godersi il mare in solitudine e altrettanto baie affollate con vita e movimento. Ksamil è conosciuto anche per le sue quattro isole dove è possibile andare in barca, in kayak o anche a nuoto. La sabbia è bianca e l’acqua è cristallina e color turchese, splendida per una lunga nuotata rinfrescante.



L’antica città di Butrinto 

A pochi km al sud di Saranda si trova l’antica città di Butrinto (Butrint in albanese). Fondata nel I secolo a.C. la città era originariamente parte di Illyria. Butrinto è uno dei beni più preziosi, e uno dei più grandi in Albania, che testimonia la sua antica origine. Per il suo valore inestimabile è stato dichiarato eredità del mondo dal UNESCO.
Anche Butrint fu una volta parte dell’Impero romano e ci sono diversi edifici che appartengono a questo periodo, tra cui il famoso anfiteatro. Alcune delle migliori rovine da esplorare includono il tempio di Aesculapius, i bagni termali, le mura della città, un anfiteatro e il battistero. Nel anfiteatro di Butrinto si svolge dal anno 2000 il Festival Internazionale del Teatro. In questa zona, oltre il Parco Archeologico, si trova il Parco nazionale di Butrinto, che rappresenta la più importante foresta mediterranea in tutta l’area del sud dell’Albania.





Anfiteatro nella città di Finiq

L’area vicino a Saranda è ricca di siti antichi, tra cui questa città, che si trova a soli otto chilometri ad est della città. L’insediamento collinare di Finiq, o Phoinike, fu fondato nel V secolo a.C. dai Chaones, una tribù greca nell’antico Epiro, ma fu abbastanza popolata nell’era bizantina. Le rovine oggi includono un piccolo tempio, un anfiteatro, resti di case e cisterne romane. Sono state trovate antiche monete che mostrano le connessioni commerciali di questo luogo con altre città. 


L’Occhio Azzurro
 

Il famoso Occhio Azzurro (Syri i Kaltër in albanese) è un pittoresco monumento naturale dove sorgenti d’acqua escono dal fondo carsico della terra e formano una splendida piscina di oltre cinquanta metri di profondità. L’attrazione è situata all’interno di una foresta di noccioli, noci, ciliegi, pini e abeti a 25 km da Saranda, vicino al villaggio in pietra di Musina. L’acqua fuoriesce in un colore quasi magico, tra il blu e il verde, assolutamente cristallino, e crea l’illusione di un occhio umano. 


Il Castello di Lekuresi
 

E’ un bellissimo castello ottomano della metà del 1500, situato sulle colline che circondano la città di Saranda. Questo antico castello è attualmente in uno stato di semi-rovina. Tuttavia, si può ancora avere la possibilità di vedere la torre di guardia del castello. Oggigiorno alcune aree del castello ospitano un ristorante molto carino dove fermarsi assaggiare la cucina locale. Dalla sua terrazza si possono godere viste incredibili della città e delle isole di Ksamil. Ci vogliono circa 40-50 minuti per raggiungere a piedi il castello da Saranda, ma è ancora più facile raggiungerlo in macchina oppure prendere un taxi per arrivarci.




Il Monastero dei 40 Santi 

E’ un antico edificio costruito nel VI secolo che ha subito numerose modifiche e ricostruzioni  negli anni, modifiche che sono continuate fino ai tempi attuali. La parte superiore del monastero fu distrutta durante la prima guerra mondiale. È necessaria l’autorizzazione per entrare e vedere la cripta del monastero. L’edificio è stato costruito nella memoria dei soldati romani che furono brutalmente uccisi, rifiutando di rinunciare alla propria religione cristiana.

Il villaggio e spiaggia di Lukove 

Il villaggio di Lukove è situato vicino a Saranda ed è un’ottima  destinazione estiva, famosa per la sua spiaggia. È una spiaggia sorprendente con sabbia, ciottoli e acqua color turchese come quella dei tropici. La collina del paese ha bellissimi alberi di ulivi e di agrumi. Scopri di più su Lukove


Spiaggia Pasqyrat
 

Una spiaggia remota e un ottima meta per lo snorkeling. La spiaggia è tranquilla e ci arrivano meno turisti rispetto alla vicina Ksamil. L’unico modo per arrivare è a piedi, in auto o in taxi. La spiaggia si trova tra Saranda e Ksamil e sulla spiaggia c’è anche un ristorante che serve deliziosi piatti di pesce.


L’antica Sinagoga
 

Situate nei pressi del Municipio di Saranda, le rovine di questa antica sinagoga mostrano che nel 5 ° secolo d.C la comunità ebraica era numerosa in Saranda. C’era un centro di comunità e una scuola oltre alle attività religiose. I diversi mosaici sul pavimento, con animali, una menorah e altri simboli ebraici, dimostrano che questo edificio era una sinagoga.

Argirokastro 

Gjirokastra (Argirocastro) è un insediamento singolarmente pittoresco e un eccezionale esempio di città mercantile ottomana. Gjirokastra è una delle città più belle dell’Albania e una delle poche che sopravvive ancora nei Balcani. Situato in una zona particolarmente sensibile di importanza strategica e militare, e con una vicinanza molto vicina al confine greco, Gjirokastër è stato teatro di molti eventi importanti nella storia dell’Albania. Questa “città dai mille gradini” comprende centinaia di case a torre in stile ottomano, con caratteristici tetti in pietra, balconi in legno e pareti in pietra bianca. Adiacente alla città c’è anche un antico forte. Dalla fortezza si può godere di una splendida vista panoramica sulla città. Il modo più semplice per arrivare è in auto o in minibus che partono giornalmente dal centro di Saranda. Altrimenti, è possibile noleggiare un’auto e approfittare per visitare Gjirokaster dopo una visita a Syri i Kalter.




Il Monastero di Mesopotam 

Uno dei monumenti più interessanti della zona adriatica sorge su una collinetta tra pascoli invernali, racchiuso dentro ad una cinta muraria antichissima. Il monastero bizantino di Mesopotam, dedicato a San Nicola, è stato costruito nel 11 ° secolo ed è stato menzionato per la prima volta in connessione con la battaglia nei pressi di Butrint tra i bizantini e gli invasori normanni.

 

Cosa fare a Saranda


Escursioni  
La posizione di Saranda permette ai visitatori di trascorrere piacevoli giornate facendo escursioni in altre località turistiche famose in Albania, come il Parco Nazionale di Butrinto, il castello di Ali Pashe Tepelena, Argirocastro, Syri i Kalter (L’Occhio Azzurro). 



Passeggiare sul lungomare – Il Lungomare della città costeggia il mare ed offre la possibilità di ammirare i bellissimi tramonti colorati, di accomodarsi nei vari ristoranti che lo fiancheggiano e gustare dell’ottimo cibo, rilassarsi sulla spiaggia di fronte, oppure partecipare in una delle feste organizzate dai locali e pub situati sulla costa.

Visitare le spiagge – Qualcos’altro che dovresti fare è visitare una nuova spiaggia ogni giorno, le spiagge come Pasqyrat, Pulebardha Beach, Manastiri Beach, Ksamil, sono vicine alla città di Saranda e sono facilmente raggiungibili in auto.

Campeggio – Quando non è una giornata molto calda potreste andare in campeggio. Il campeggio sarebbe una bella esperienza, diversa dallo stare sempre in spiaggia.

Visitare Corfù – Dovresti anche prendere un traghetto per visitare Corfù, perché è solo a un’ora o due di distanza dalla costa di Saranda.

Acquistare dei souvenir – Sul lungomare di Saranda troverete numerosi souvenir come collane, libri, bunker in miniatura e tanti oggetti artigianali. Potreste prendere anche specialità locali gastronomici come il Cognac Skenderbeu e il miele di Llogara.



Gustare la cucina locale – Sarandë è animata da ristoranti, caffè e bar. I fast food offrono una vasta ed economica scelta di gustosi piatti. Con un euro potrai mangiare un buon souvlaki (di solito maiale) oppure una crepe o hamburger. Certamente a Saranda devi provare il pesce, i calamari, le cozze e i gamberetti, in diversi stili di cottura, non solo fritti.

Il Castello di Lekursi - Cosa vedere a Saranda
Il Castello di Lekursi – Cosa vedere a Saranda
Valutazione dell\\\'articolo

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.