La meravigliosa baia di Porto Palermo e la sua intrigante fortezza

0
365
Il Castello di Ali Pasha a Porto Palermo, Valona, Albania
Il Castello di Ali Pasha a Porto Palermo, Albania

La baia di Porto Palermo

La baia di Porto Palermo o Panorm, come veniva chiamata nell’antichità, è la baia più grande e più bella delle coste ioniche. Un piccolo promontorio roccioso a forma di piccola penisola con un diametro di 300 m, alto 30 – 40 m, è collegato al continente con un tratto di terra molto stretto, e separa la baia in due parti – Baia di Armeridha e Baia di St. Nikolla. Sulla questa piccola penisola, nel mezzo della baia, si erge il castello di Ali Pasha, che ha ispirato scrittori come Dumas, ed è ancora circondato da leggende sulla sua storia e costruzione. Nel lato meridionale della baia si trovano le rovine della chiesa eremita di San Vasilikoi. All’istmo che collega la penisola viene costruito un molo per l’approdo delle navi.




Huffington Post ha classificato Porto Palermo tra le prime 15 destinazioni europee non scoperte per il 2014. L’intera area detiene lo status di Paesaggio Protetto dal governo albanese e, insieme alla spiaggia di Llamani, sarà proclamata un’area protetta. Si tratta di un luogo di rara bellezza, una fortezza circondata da una folta e selvaggia macchia mediterranea, circondata da limpide acque azzurre.

 

La fortezza di Porto Palermo

La Fortezza di Porto Palermo è una fortezza con una storia intrigante, situata nel sud dell’Albania, non lontano dal villaggio di Qeparo. Si trova nella baia di Porto Palermo, a pochi chilometri a sud di Himara, e forma quasi un’isola che è collegata alla terraferma da una stretta striscia di terra. La fortezza fungeva da ex base sottomarina sovietica durante il regime comunista in Albania, e al giorno d’oggi il suo tunnel e la caserma semi abbandonati attirano l’attenzione dei visitatori, così come le mura e le porte della fortezza.



Il castello di Porto Palermo è stato erroneamente sostenuto dai libri e guide turistiche locali, di essere stato costruito agli inizi del XIX secolo da Ali Pasha di Tepelena, quando invece sembra essere stato costruito in precedenza, sul sito di un monastero preesistente e di un castello ancora più vecchio. Molto probabilmente fu costruita dai veneziani in quanto ha lo stesso piano triangolare con torri rotonde trovate nel forte veneziano di Butrinto.

Anche se in origine la fortezza risale al periodo veneziano, è stata resa famosa dal sovrano del 19 ° secolo Ali Pasha di Tepelena, conosciuto per aver sfidato l’autorità del sultano ottomano, autogestendo una zona considerevole che comprendeva l’Albania meridionale e la Grecia settentrionale.

Ali Pascià era un personaggio molto intrigante, un abile politico e un’astuto stratega, ma era anche conosciuto come barbaro e ambizioso, uno dei governanti più brutali, che governava questo territorio.  Ali Pasha era figlio del governatore di Tepelena, provincia nel sud dell’Albania. Rimasto orfano sin dalla tenera età, si diede al brigantaggio per sopravvivere. Dopo alcuni anni di questo business redditizio, si ritrovò un uomo ricco e salì al potere con un rango distinto e onorevole tra i beys del paese. Nel 1812, Ali Pascià governava un territorio ampio, con una popolazione di 1,5 milioni di abitanti. Ma nel 1820, Sultan Mahmud II decise di porre fine al suo governo. A tal fine, mandò le sue truppe in Albania e, dopo molte battaglie, nel 1822 Ali fu costretto ad arrendersi. I termini della resa non furono rispettati e Ali Pascià venne decapitato. La sua testa è stata fatta sfilare davanti alla folla a Costantinopoli. Più tardi furono giustiziati anche i suoi figli. Così finì la sua epoca storica.

Il castello di Porto Palermo si trova in mezzo al mare e secondo la leggenda è stato costruito da Ali Pascià come dono a una delle sue mogli, Vasiliqi, che, secondo i cronisti dell’epoca, fu molto amata dal Pascià di Ioannina. Sempre secondo la leggenda, Ali Pasha ha usato questa fortezza per nascondere il suo tesoro (lo stesso tesoro che viene citato da Dumas nel Conte di Montecristo), e una volta finiti i lavori, fece uccidere tutti gli operai e i due architetti, affinché non rivelassero informazioni sulla planimetria della fortezza.

La fortezza di Porto Palermo presenta una forma triangolare di 150 x 400 metri e le sue mura raggiungono i 20 metri. Forti mura difensive proteggono l’intera area con feritoie da arma da fuoco nella parte anteriore e laterale. Il resto del castello è costituito da un gran numero di ambienti coperti che finiscono nella parte superiore con una terrazza in comune. I locali servivano per le abitazioni della guarnigione, mentre uno di loro serviva da prigione.

I sotterranei della fortezza e i depositi furono usati dal re Zog come prigioni per i dissidenti. La fortezza divenne anche prigione italiana e infine durante il comunismo, campo di lavoro e zona militare.

In una pittoresca baia a sud di Himara, questa fortezza del XIX secolo, conosciuta anche come il Castello di Ali Pascià, costituisce un’interessante tappa lungo la strada costiera. La fortezza è stranamente buia all’interno, ma vale la pena pagare il biglietto (circa 2€) per girovagare ed esplorare i bastioni, che offrono una splendida vista sul mare.

Il colore del mare è semplicemente incredibile. Perfetto per nuotare, fare immersioni o fare snorkeling. Così brillante, cristallino e blu che sembra davvero irreale. Contrasta fortemente con le coste bruciate dal sole, creando panorami assolutamente spettacolari.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici e aiutaci a crescere. Grazie per il tuo supporto!

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here